Formaggio e Rugby

Dalla pagina di facebook, Fiore21 – racconti, pensieri e birre.

Pubblico un vecchio post scritto nel marzo 2014 e riapparso oggi.. quanto tempo… Formaggio e rugby Seduto al tavolo della cucina pensando al nulla, con un coltello nella mano destra e un pezzo di formaggio nella sinistra. La capacità di appoggiare il pollice sulla crosta e dare la giusta forza al coltello per tagliare una fetta di formaggio è un’arte comune a tutti i popoli…Lo faceva mio nonno e anche mio padre…oggi sono in grado di farlo anch’io.. Adoro quell’istante in cui avvicini il formaggio alla bocca e il coltello ti sfiora il naso. Adoro rompere un pezzo di pane e adoro il gusto del vino rosso che con il formaggio non può mai mancare. Un gesto semplice e un sapore unico. Mia madre è friulana e mio padre era calabrese. Due mondi lontani, due modi diversi di pensare il “vivere”…ma il gesto del taglio del formaggio è lo stesso. Possono esserci mille diversità, mille modi di vivere e altrettante visioni del mondo; ma il formaggio è sempre il formaggio, il pane è sempre il pane, il vino è sempre il vino e il coltello fa la sua parte. Stasera dopo l’allenamento sono tornato a casa e mi sono seduto in cucina. Al campo non avevo cenato. Nel Rugby è un’abitudine cenare insieme, in casetta o in baracca o per le squadre più “IN” nella club house… Ma stasera non avevo cenato! Dovevamo scegliere le maglie, era il compleanno di Gerry, parlavo con Gegi e anche Len festeggiava il Man of the match dell’ultima partita… quindi la pasta l’ho vista solo passare…dopo un paio di birre e 4 manciate di patatine mi sono appoggiato al banco e ingurgitato direttamente una fetta di torta accompagnata da un caffè ristretto. Sono arrivato a casa, ho aperto la porta con attenzione e , cercando di non fare molto rumore, mi sono diretto in cucina. Avevo fame… Ho preso un pezzo di formaggio, un coltello e un tozzo di pane. Mi sono seduto è ho iniziato a tagliare delle fette sottili. Da solo, fissando la parete e pensando al nulla….Ma Il gusto del formaggio, la sensazione del pane croccante e il caldo della casa hanno riportato i miei pensieri al campo. Alla fatica, alla pioggia, al fango, agli amici, al mio labbro gonfio per una testata… Un insieme di pensieri e di sapori che si sono trasformati in un vortice sempre più intenso che mi ha avvolto….una sensazione unica. Non avevo brutti pensieri, non ero stressato e non pensavo a nulla…. Ero solo felice…. Seduto da solo in cucina, con un coltello nella mano destra, un pezzo di formaggio nella sinistra, un labbro gonfio e una squadra di amici. Come un idiota fissavo la parete, pensavo alla mia squadra di rugby, mordicchiavo pane e formaggio… e sorridevo Alla fine è rimasta solo la crosta e sono andato a dormire…

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...